Avvio campagna regionale di screening per l'eliminazione del virus dell'epatite C(HCV) - a partire dal 16-05-2022.

Avvio screening nazionale gratuito.

Data di pubblicazione:
23 Maggio 2022
Avvio campagna regionale di screening per l'eliminazione del virus dell'epatite C(HCV) - a partire dal 16-05-2022.

https://www.aulss9.veneto.it/

Avviso: Avvio della campagna regionale di screening per l'eliminazione del virus dell'epatite C (HCV), a partire dal 16-05-2022 

Prenotazione prelievo per screening epatite C
Le persone nate tra il 1969 e il 1989 possono prenotare gratuitamente nei Punti Prelievo sotto indicati il prelievo di sangue per la ricerca degli anticorpi contro il virus dell'epatite C, senza bisogno dell'impegnativa.
Non è possibile aderire allo screening nel caso in cui si sia già effettuato questo esame negli ultimi 12 mesi o si assumano farmaci contro l'epatite C.

Screening Epatite C

logo_EC_arancio_Verde1.jpg

 

L’epatite C è un’infezione del fegato causata dal virus HCV.  
La malattia spesso decorre senza sintomi o con disturbi vaghi e aspecifici. La guarigione avviene in circa il  20% dei casi, ma in un'elevata percentuale di pazienti (circa 80-85%), l’infezione acuta può diventare cronica e trasformarsi in una patologia di lunga durata. In alcuni casi può causare una cirrosi, ossia una  condizione grave del fegato che può portare a insufficienza d’organo e tumore al fegato.  
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che nel mondo vi siano circa 58 milioni di persone con  infezione cronica da HCV e circa 1,5 milioni di nuove infezioni all’anno. Stima, inoltre, che nel 2019 siano  morte circa 290.000 persone a causa di malattie del fegato correlate all’epatite C.  La malattia è diffusa in tutto il mondo ed i paesi con i più alti tassi di infezioni croniche sono l’Egitto, il  Pakistan e la Cina.  
L’infezione da HCV si trasmette prevalentemente attraverso il contatto di ferite, anche lievi, con sangue  infetto, o tramite scambio di siringhe contaminate. Sono sufficienti anche piccolissime quantità di sangue  per trasmettere l’infezione. Più raramente la trasmissione avviene attraverso rapporti sessuali non protetti  oppure dalla madre al figlio durante la gravidanza o il parto.  

Diagnosticare e trattare l’epatite C in fase iniziale impedisce l’avanzamento della malattia, evita le  complicanze delle fasi avanzate, quali la cirrosi, il tumore al fegato e altri gravi disturbi, riduce i costi  complessivi del trattamento e migliora la qualità di vita dei pazienti.  
Dalla fine del 2014, sono disponibili anche in Italia i nuovi farmaci antivirali orali ad azione diretta (Direct  Antiviral Agents – DAA) per la terapia dell’epatite C. Sono farmaci altamente efficaci nell’eliminare  definitivamente l’infezione da HCV. Inoltre sono molto ben tollerati in tutte le categorie di pazienti infetti.  
 

Per ulteriori informazioni consulta l'informativa
telefona al n. 0456712597 dal lunedì al venerdì ore 9.00/11.00

comunicazione Azienda ULSS 9 Scaligera

Ultimo aggiornamento

Venerdi 03 Giugno 2022